È facile trovarsi a corto di idee e, ancora di più, cadere nella tentazione di aprire il paracadute aforisma per ovviare a un buco di creatività. Per chi non è del mestiere è certamente più complesso pubblicare post originali e di valore per il proprio pubblico con costanza e metodo.

E se oltre alla mancanza di contenuti validi, è il fattore tempo il mostro contro cui vi scontrate, esistono oggi tools online che vi aiutano a creare citazioni per ogni occasione. Non è detto però che siano prodotti di qualità e, tra l’altro, basare la propria strategia sull’utilizzo di questi strumenti per la produzione di post dal like facile a lungo andare banalizzerà la vostra comunicazione e il vostro obiettivo.

Tra l’altro usare belle citazioni sui social non basta: è altrettanto importante associare immagini rilevanti, fortemente evocative e che siano allo stesso tempo discrete, che valorizzino il testo, facendo da coprotagoniste sulla scena.

Argomenti comuni, impersonali e fuori target sono tra gli errori più grossolani di chi generalmente sfrutta questa forma di intrattenimento sulla propria pagina Facebook aziendale. La complessità di trovare costantemente temi coinvolgenti e interessanti per i vostri fan nasce spesso dalla leggerezza con cui si affronta la stesura di un piano editoriale adeguato e della sua messa in opera attraverso un calendario editoriale altrettanto ragionato e calibrato. La presenza su un certo social piuttosto che un altro, oltre che richiedere precisi stili comunicativi necessita di un’interazione continua con il vostro pubblico: non si tratta di un monologo ma di un vero e proprio dialogo che va alimentato e curato in ogni dettaglio.

È indubbio che le citazioni oggi siano uno dei modus operandi per catturare l’attenzione e dare slancio alle argomentazioni dei vostri post. Ma è il come usarle che deve fare la differenza. Per lasciare un segno, oltre a essere brevi e in tema, devono essere numericamente limitate. Se pubblicate quotidianamente su Facebook, nel vostro calendario editoriale il post contenente un aforisma corredato da immagine potrà essere pubblicato massimo una volta a settimana. E non dimenticate di citare sempre le vostre fonti: è una forma di cortesia e di rispetto per l’autore. Se la citazione è utilizzata all’interno di un post scritto nel vostro blog, è meglio utilizzare un discorso diretto, aprendo le virgolette e separarla graficamente dal resto del testo. Sembrano ovvietà, ma sono poche regole che se rispettate non vi faranno incorrere in accuse di plagio e violazione del Copyright.

Raccontata così, questa attività può sembrare facile ma non è assolutamente banale perché va pianificata in ogni sua parte, sia nella fase di scelta del testo sia in quella di ricerca dell’immagine e del suo eventuale aggiustamento per la piattaforma di pubblicazione.

“Scrivi qualcosa che valga la pena di essere letto 

o fai qualcosa che valga la pena di essere scritto.” (Benjamin Franklin)

Questa è la nostra quote preferita e siamo convinte che rappresenti al meglio le basi per vivere bene sui social che, abbinate a una corretta strategia, permettono a questi spazi virtuali di diventare risorse reali per la gestione e l’incremento del business di ogni attività imprenditoriale.

Lorenza Minzoni